Home » internazionale, matrimonio, NEWS » Brividi spagnoli

Brividi spagnoli

Inizia questa settimana (dopo un rinvio da luglio per problemi di rinnovo della Corte) la discussione avanti alla Corte costituzionale spagnola dell’eccezione di illegittimità costituzionale avanzata a suo tempo dal Partito Popolare (vedi articolo El Pais). Se la corte dovesse accogliere il ricorso sarebbe spazzata via la legge del 2005 che ha aperto il matrimonio civile alle coppie dello stesso sesso. Analoga eccezione era stata già respinta nel 2004 dalla Corte costituzionale belga. La risposta della Corte spagnola sarà dunque un forte punto di riferimento anche da noi. Secondo gli oppositori della legge, la stessa si porrebbe in cointrasto con la nozione di “matrimonio” recepita dalla Costituzione spagnola in conformità con una tradizione giuridica millenaria. C’è da dire, peraltro, che l’art. 32 della Costituzione spagnola, a differenza di quella italiana, fa espresso riferimento a “uomini e donne” («el hombre y la mujer tienen derecho a contraer matrimonio con plena igualdad jurídica»). L’interpretazione proposta da chi si oppone all’eccezione dei popolari è, invece, nel senso che tale norma indicherebbe i soggetti titolari del diritto a contrarre matrimonio (il diritto, cioè,deve essere riconosciuto a ogni uomo e a ogni donna), senza limitarne la facoltà di scegliere liberamente il partner (ogni uomo ed ogni donna ha diritto di sposare … chi ama).