Status filiationis e GPA, attuazione della legge n. 76/2016 e molto altro: online il Fasc. 2/2017 di GenIUS!

print

GenIUS 2017/02 - Ottobre 2017

Pubblicato il Fascicolo n. 2/2017 di GenIUS – Rivista di studi giuridici sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.

Clicca per scaricare il PDF

La Rivista ospita, in questo numero, un interessante Focus, curato da Barbara Pezzini, di commento all’ordinanza con la quale la Corte d’Appello di Milano ha sollevato questione di legittimità costituzionale dell’art. 263 del codice civile, nella parte in cui non consente al giudice, in sede di decisione sull’impugnazione da parte del PM del riconoscimento del figlio per difetto di veridicità (nella specie nato a seguito di gestazione per altri), di verificare se la conservazione dello status filiationis soddisfi l’interesse del minore, al di là della corrispondenza della filiazione stessa alla verità biologica. Non è stata invece sollevata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 12, comma 6 della legge n. 40/2004 – recante il divieto di surrogazione di maternità – pure eccepita dalle parti. Nel caso di specie, in particolare, l’atto di nascita impugnato indicava, come madre legale, la madre intenzionale e non la donna che aveva partorito il minore in India, nel quadro di una fattispecie di gestazione per altri. Il Focus – introdotto da Barbara Pezzini – affronta, pertanto, sia il merito dell’ordinanza di rimessione – con i contributi di Gilda Ferrando, Ines Corti e Stefania Stefanelli (dal punto di vista civilistico) e Giuditta Brunelli (dal punto di vista costituzionalistico) – sia alcune considerazioni di carattere generale sulla ragionevolezza del divieto di surrogazione di maternità (oltre a Corti, Silvia Niccolai e Antonio Ruggeri).

Completano il fascicolo due contributi relativi allo stato di attuazione della legge sull’unione civile: si tratta, in particolare, di un articolo di Antonella Madeo, relativo al D. Lgs. n. 6/17 in materia di attuazione della legge n. 76/2016 in ambito penale; e di un articolo di  Francesco Pesce, relativo alle problematiche di coordinamento della legge e dei decreti attuativi con i principi diritto internazionale privato. Il numero ospita inoltre una riflessione di Giacomo Viggiani sui problemi in materia di cognome. Chiude il fascicolo, assieme alle consuete raccolte di legislazione e giurisprudenza, un commento di Alessandra Nocco alla sentenza con la quale la Corte d’Appello di Milano ha disposto l’adozione in casi particolari ex art. 44, lett. d) legge n. 184/1983 a favore del figlio del partner dello stesso sesso, superando il contrario orientamento espresso dal locale Tribunale per i minorenni, riallineando così la posizione delle Corti meneghine alla giurisprudenza di legittimità in materia.

GenIUS 2017/02 (PDF 2,7 MB)

Sommario:

Focus: Verità della nascita e GPA (gravidanza per altri) a cura di Barbara Pezzini

Barbara Pezzini: Introduzione
Gilda Ferrando: Gravidanza per altri, impugnativa del riconoscimento per difetto di veridicità e interesse del minore. Molti dubbi e poche certezze.
Ines Corti: Maternità per sostituzione e dignità umana
Stefania Stefanelli: Sui confini dell’impulso del pubblico ministero nell’impugnazione dello status intenzionale
Giuditta Brunelli: Un giudice a quo consapevole della propria funzione (a proposito dell’ord. n. 273/2016 della Corte d’appello di Milano)
Silvia Niccolai: Alcune note intorno all’estensione, alla fonte e alla ratio del divieto di maternità surrogata in Italia
Antonio Ruggeri: La maternità surrogata, ovverosia quando fatti e norme urtano col dettato costituzionale e richiedono mirati e congrui interventi riparatori da parte di giudici e legislatore

Interventi

Antonella Madeo: Attuazione in materia penale della legge Cirinnà sulle unioni civili
Francesco Pesce: La legge di riforma del sistema italiano di diritto internazionale privato alla prova della nuova disciplina sulle unioni civili
Giacomo Viggiani: Une défaillance du système juridique italien. La questione del cognome materno tra moniti pretori e inerzia legislativa

Commenti

Alessandra Nocco: Un’altra pronuncia di secondo grado dice sì all’adozione co-parentale in contesti omogenitoriali: un nuovo passo verso la costruzione di una nozione giuridica inclusiva di “famiglia”, con l’aiuto dei principi internazionali. Nota a Corte d’appello di Milano, 9 febbraio 2017

Osservatorio documenti a cura di Carmelo Danisi

Germania: Gesetz zur Einführung des Rechts auf Eheschließung für Personen gleichen Geschlechts (EheRÄndG k.a.Abk.)
Portogallo: Regula o acesso à gestação de substituição, procedendo à terceira alteração à Lei n.º 32/2006, de 26 de julho (procriação medicamente assistida), 22 agosto 2016
Portogallo: Decreto Regulamentar n. 6/2017, 31 luglio 2017

Osservatorio decisioni a cura di Carmelo Danisi

Corte d’appello di Milano, sezione delle persone, dei minori e della famiglia: ordinanza del 25 luglio 2016, n. 273
Corte di Cassazione, prima sezione civile: sentenza del 15 giugno 2017, n. 14878
Tribunale per i minorenni di Venezia: sentenza del 31 maggio 2017
Tribunale per i minorenni di Palermo: sentenza del 3 luglio 2017
Tribunale per i minorenni di Bologna: sentenza del 20 luglio 2017
Corte costituzionale: sentenza dell’8 novembre 2016, n. 286
Corte europea dei diritti umani: Cusan e Fazzo c. Italia, sentenza del 7 gennaio 2014, n. 77/07