Orientamento sessuale della vittima/aberratio ictus/legittimità

print

Corte di cassazione, quarta sezione penale, sentenza n. 36225 del 1 ottobre 2007  REATI CONTRO LA PERSONA – MOLESIE A MEZZO DEL TELEFONO – INVIO DI MMS A CONTENUTO OSCENO A MINORE – ABERRATIO ICTUS -OMOSESSUALITÀ DELLA VITTIMA – RILEVANZA – RESPONSABILITÀ PENALE – ESCLUSIONE

Il ripetuto invio di messaggi (MMS) di contenuto omosessuale ed osceno al telefono cellulare di persona diversa da quella cui l’autore dei messaggi intendeva indirizzarli (nel caso di specie, un minore) configura l’ipotesi di aberratio ictus e per conseguenza a norma dell’art. 82, comma 1, c.p. è da escluderne la responsabilità.

Conferma: Corte d’Appello di Genova.

___________________________________________________________________________________