orientamento sessuale/nozione/LEGITTIMITA’

print

Corte di Cassazione, prima sezione civile, sentenza del 25 luglio 2007 n. 16417 (pres. Adamo, est. Piccininni) ORIENTAMENTO SESSUALE – ESPRESSIONE DEL DIRITTO ALLA REALIZZAZIONE DELLA PROPRIA PERSONALITÀ – SUSSISTENZA

L’omosessualità va riconosciuta come condizione dell’uomo degna di tutela, in conformità ai precetti costituzionali, assunto da cui discende che la libertà sessuale va intesa anche come libertà di vivere senza condizionamenti e restrizioni le proprie preferenze sessuali, in quanto espressione del diritto alla realizzazione della propria personalità, tutelato dall’art. 2 Cost..

RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 19 del d.lgs. n. 286 del 1998
PUBBLICATA IN:
Diritto immigrazione e cittadinanza 2007, 126
Dir. fam., 2008, 55, con nota NEGRO;
Guida al diritto, 2007, 34, 49;
La Nuova Giurisprudenza Civile Commentata, 2008, 271, con nota PIZZORNO L’omosessualità quale causa ostativa dell’espulsione.

ULTERIORI COMMENTI ALLA SENTENZA:
DI BARI Omosessualità, libertà sessuale e divieto di espulsione per rischio di persecuzione al vaglio della Cassazione civile, in Diritto immigrazione e cittadinanza 2007, 94.

RIFORMA: Giudice di pace di Torino, ordinanza del 21 dicembre 2004