ricorsi attualmente pendenti avanti alla Corte europea dei diritti umani

(a cura di Carmelo Danisi)

  ________________________________________________________________________________________________________________________________

Orientamento sessuale

Matrimonio

 

Chapin and Charpentier v. France n. 40183/07

Comunicato al Governo francese il 7 Aprile 2009

Matrimonio celebrato dal sindaco di Bègles, dichiarato nullo dall’Autorità Giudiziaria.

Orlandi e altri c. Italia, n. 26431/12

Comunicato al Governo italiano il 3 dicembre 2013

I ricorrenti lamentano una violazione degli articoli 8, 12 e 14 Cedu per il rifiuto di trascrizione del matrimonio contratto all’estero e l’impossibilità di ottenere qualsiasi forma di riconoscimento della loro relazione in Italia

 

 ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Genitorialità

Hallier and Lucas v. France n. 46386/10

Comunicato al Governo francese il 6 aprile 2011

Congedo familiare per il genitore non biologico in occasione della nascita di un figlio nell’ambito di una coppia di donne stabilmente conviventi legati da un patto civile di solidarietà (pacs), rifiutato dall’Autorità amministrativa con provvedimento confermato dall’Autorità Giudiziaria.

Francine Bonnaud et Patricia Lecoq c. Francia n. 6190/11

Comunicato al Governo francese il 30 maggio 2011

Le ricorrenti, unite in un PACS, lamentano la violazione degli articoli 8 e 14 Cedu per il rigetto da parte delle autorità francesi delle loro reciproche domande di délégations d’autorité parentale relative, rispettivamente, alla figlia della prima ricorrente e al figlio della seconda ricorrente, avuti mediante procreazione assistita in Belgio e riconosciuti giuridicamente solo dal genitore biologico.

  ____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Diritto di soggiorno

 

Taddeucci v. Italy n. 51362/09

Comunicato al Governo italiano in settembre 2009

Diritto di soggiorno per motivi familiari del convivente neozelandese nell’ambito di una coppia di uomini stabilmente conviventi legati da una unione registrata in Nuova Zelanda, rifiutato dall’Autorità amministrativa con provvedimento confermato dall’Autorità Giudiziaria.

Pajić c. Croatie n° 68453/13

Comunicato al Governo croato il 12 dicembre 2013

Le ricorrenti lamentano una violazione degli articoli 8 e 14 Cedu per il rigetto della domanda di ricongiungimento familiare da parte delle autorità croate, accordato unicamente alle coppie di sesso differente coniugate e non coniugate ai sensi della legislazione nazionale rilevante.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Diritto di riunione e associazione

 

Zhdanov and Rainbow House v. Russia n. 12200/08

Comunicato al Governo russo l’11 marzo 2011

Registrazione di un’associazione lesbica, gay, bisessuale e transessuale rifiutata dalle Autorità russe.

Bayev e altri c. Russia, n. 67667/09

Comunicato al Governo croato il 16 ottobre 2013.

I ricorrenti lamentano la violazione degli articoli 10 e 14 Cedu per le conseguenze derivanti dall’approvazione della legge sulla “propaganda omosessuale”.

Lashmankin e altri c. Russia n. 57818/09

Comunicato al Governo russo il 22 gennaio 2013.

I ricorrenti lamentano la violazione degli articoli 11, 13 e 14 Cedu per il rifiuto opposto dalle autorità russe all’organizzazione di una marcia a difesa dei diritti delle persone LGBT.

___________________________________________________________________________________________

Divieto di tortura e altri maltrattamenti inumani e degradanti e divieto di refoulement

 

M.C. e A.C. c. Romania n. 12060/2012

Comunicato al Governo rumeno il 30 gennaio 2013.
I ricorrenti lamentano la violazione degli articoli 3, 8, 13 e 14 Cedu per la mancata attività investigativa e di repressione delle violenze subite in occasione di una manifestazione a difesa dei diritti delle persone LGBT nel 2006, nonché per l’indisponibilità nell’ordinamento rumeno di strumenti adeguati per denunciare violenze motivate dall’odio omofobico.

Sabalic c. Croazia n. 50231/2013

Comunicato al Governo croato il 7 gennaio 2014.

La ricorrente lamenta la violazione degli articoli 3, 8, 13 e 14 Cedu per l’assenza di tutela da parte delle autorità croate contro comportamenti violenti da parte di privati motivati dall’orientamento sessuale.

A.E. c. Finlandia n. 30953/11

Comunicato al Governo finlandese il 10 febbraio 2012.

Il ricorrente, cittadino omosessuale iraniano, lamenta la violazione dell’articolo 3 Cedu nel caso in cui venisse rimpatriato nel suo Paese di origine in ragione del timore di subire, una volta in Iran, trattamenti contrari all’art. 3 Cedu

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

identità di genere

 

D.C. c. Turchia, n. 10684/13

Comunicato al Governo turco il 15 novembre 2013.

Il ricorrente, transessuale detenuto, lamenta la violazione degli articoli 3 e 8 Cedu per il rifiuto delle competenti autorità turche di farsi carico dei costi relativi al trattamento di riassegnazione del genere nonostante le sue condizioni di salute.

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________