Unione civile/la giurisprudenza

______________________________

costituzione

Tribunale amministrativo regionale della Lombardia, sezione di Brescia, sentenza del 29 dicembre 2016, UNIONE CIVILE – COSTITUZIONE – PROVVEDIMENTO DELL’ENTE COMUNALE – TRATTAMENTO DIFFERENZIATO RISPETTO AL MATRIMONIO (PRESCRIZIONE DELL’UTILIZZO DI UNA STANZA, ADIACENTE ALL’UFFICIO ANAGRAFE, DIVERSA DALLA SALA DI RAPPRESENTANZA DEL MUNICIPIO RISERVATA ALLA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI) – CLAUSOLA GENERALE DI EQUIVALENZA FRA UNIONE CIVILE E MATRIMONIO DI CUI ALL’ART. 1, COMMA 20, LEGGE N. 76 DEL 2016 – VIOLAZIONE – DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI – APPLICAZIONE DIRETTA ALL’UNIONE CIVILE

RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 1, comma 20, L. n. 76/2016

Commenti:

GATTUSO Tar Lombardia: perché le celebrazioni delle unioni civili e dei matrimoni debbono essere uguali in ARTICOLO29, 2017

___________________________________________________

 

Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto, sezione prima, ordinanza del 7 dicembre 2016, UNIONE CIVILE – COSTITUZIONE – PROVVEDIMENTO DELL’ENTE COMUNALE – TRATTAMENTO DIFFERENZIATO RISPETTO AL MATRIMONIO (IN ORDINE A GIORNI E LUOGHI DEDICATI ALLE CELEBRAZIONI) – MANCATA DEDUZIONE DI ELEMENTI A GIUSTIFICAZIONE – FUMUS DI UN INTENTO DISCRIMINATORIO – SUSSISTENZA – SOSPENSIONE DELL’EFFICACIA CON PROVVEDIMENTO CAUTELARE D’URGENZA

RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 1, comma 20, L. n. 76/2016

Commenti:

GATTUSO Unioni civili. Il TAR sospende l’ordinanza discriminatoria del sindaco di Padova: sì a stessi tempi, luoghi e tariffe del matrimonio in ARTICOLO29, 2017

____________________________________

cognome

 

Tribunale di Gela, ordinanza del 3 novembre 2017 (pres. est. F. Strazzanti) UNIONE CIVILE – ANNOTAZIONE ANAGRAFICA DEL COGNOME COMUNE (ANCHE NEI CONFRONTI DI PROLE NATA DOPO LA CELEBRAZIONE DELL’UNIONE) – CANCELLAZIONE PREVISTA DALL’ART. 8, DECRETO ATTUATIVO N. 5 DEL 19 GENNAIO 2017 – DIRITTO AL COGNOME E ALLA IDENTITÀ PERSONALE – PREVISIONE DA FONTI DI DIRITTO EUROPEO INTEGRATE DALLA CEDU – DISAPPLICAZIONE DELLA NORMA INTERNA – INIBITORIA CON PROVVEDIMENTO CAUTELARE D’URGENZA EX ART. 700 C.P.C
RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 1, comma 10, L. n. 76/2016; artt. 3, comma 1, lettera c), n. 2) e art. 8, d.lgs. n. 5 del 19 gennaio 2017

__________________________________

Tribunale di Ravenna, sezione civile volontaria giurisdizione, ordinanza del 22 novembre 2017 (pres. R. Sereni Lucarelli; est. A. Allegra)  UNIONE CIVILE – ANNOTAZIONE ANAGRAFICA DEL COGNOME COMUNE  – CANCELLAZIONE PREVISTA DALL’ART. 8, DECRETO ATTUATIVO N. 5 DEL 19 GENNAIO 2017 – DIRITTO AL MANTENIMENTO DEL COGNOME ACQUISITO E ALLA IDENTITÀ PERSONALE – VIOLAZIONE DEGLI ARTT. 2, 3, 22, 117, PRIMO COMMA COST. – NON MANIFESTA INFONDATEZZA

RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 1, comma 10, L. n. 76/2016; artt. 3, comma 1, lettera c), n. 2) e art. 8, d.lgs. n. 5 del 19 gennaio 2017

________________________

Tribunale di Lecco, prima sezione civile, ordinanza del 2 aprile 2017 UNIONE CIVILE – ANNOTAZIONE ANAGRAFICA DEL COGNOME COMUNE (ANCHE NEI CONFRONTI DI PROLE NATA DOPO LA CELEBRAZIONE DELL’UNIONE) – CANCELLAZIONE PREVISTA DALL’ART. 8, DECRETO ATTUATIVO N. 5 DEL 19 GENNAIO 2017 – DIRITTO AL COGNOME E ALLA IDENTITÀ PERSONALE – PREVISIONE DA FONTI DI DIRITTO EUROPEO – DISAPPLICAZIONE DELLA NORMA INTERNA – INIBITORIA CON PROVVEDIMENTO CAUTELARE D’URGENZA EX ART. 700 C.P.C

RIFERIMENTI NORMATIVI: art. 1, comma 10, L. n. 76/2016; artt. 3, comma 1, lettera c), n. 2) e art. 8, d.lgs. n. 5 del 19 gennaio 2017

Commenti:

GATTUSO Il brutto pasticcio sul cognome dell’unione civile in ARTICOLO29, 2017

____________________________________________________________

diritto internazionale privato

Corte di cassazione, prima sezione civile, sentenza del 14 maggio 2018 n. 11696 (pres. Tirelli; est. Acierno) MATRIMONIO FRA PERSONE DELLO STESSO SESSO CONTRATTO ALL’ESTERO DA CITTADINO ITALIANO E DA CITTADINO STRANIERO – TRASCRIZIONE QUALE UNIONE CIVILE

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso contratto all’estero, di cui uno sia cittadino italiano e l’altro cittadino straniero va trascritto come unione civile, in adesione al modello legislativo applicabile al nostro ordinamento; l’art. 32 bis della legge 218/1995 non trova invece applicazione diretta nell’ipotesi in cui venga richiesto il riconoscimento di un’unione coniugale contratta all’estero da due cittadini stranieri, sicché in tal caso il matrimonio va trascritto come tale fra gli atti di matrimonio.

COMMENTI:

MIRI, Matrimonio same-sex celebrato all’estero e “downgrading” in unione civile: una prima lettura di Cass. 14 maggio 2018, n. 11696, in Diritticomparati, 2018