trascrizione di matrimonio tra persone dello stesso sesso celebrato all’estero/CEDU

print

Corte europea dei diritti dell’uomo, Prima Sezione,  Orlandi e altri contro Italia, decisione del 14 dicembre 2017, UNIONE TRA COPPIE DELLO STESSO SESSO – RIFIUTO DI REGISTRAZIONE DEL MATRIMONIO CONTRATTO ALL’ESTERO PRIMA DELL’ENTRATA IN VIGORE DELLA LEGGE N. 76 DEL 2016 SULLA UNIONE CIVILE – VIOLAZIONE DELL’ART. 8 CEDU (DIRITTO ALLA VITA PRIVATA E FAMILIARE) – SUSSISTENZA

Nonostante gli Stati dispongono di ampia discrezionalità in merito alla possibilità di consentire o non matrimoni tra persone del medesimo sesso, le coppie formate da persone dello stesso sesso hanno diritto al riconoscimento legale e alla protezione della loro relazione; pertanto, sussiste violazione del diritto alla vita privata e familiare, protetto dall’art. 8 cedu, delle coppie che avevano contratto matrimonio all’estero, dal momento che la legge italiana prima dell’entrata in vigore della legge sulle unioni civili (l. n. 76 del 2016) non aveva garantito alcuna protezione legale o riconoscimento.

________________________________________________