Diritto straniero/filiazione

____________________________________________________________________________________________

Corti internazionali

Corte interamericana dei diritti umani, Atala Riffo e figli c. Cile, sentenza del 21 novembre 2012 FILIAZIONE – DINIEGO DI AFFIDAMENTO DEL MINORE ALLA MADRE IN RAGIONE DELLA SUSSUSTENZA DI UNA RELAZIONE OMOSESSUALE DELLA MEDESIMA – ILLEGITTIMITA’ – DIRITTO AL RISARCIMENTO DEI DANNI PATRIMONIALI E MORALI – SUSSISTENZA

____________________________________________________________________________________________

Austria

Corte costituzionale, sentenza dell’11 dicembre 2014 ADOZIONE – COPPIA DELLO STESSO SESSO UNITA IN PARTNERSHIP REGISTRATA – ESCLUSIONE – ILLEGITTIMITA’ COSTITUZIONALE

E’ illegittima la norma che consente l’adozione congiunta soltanto ai coniugi (necessariamente di sesso diverso, secondo la legge austriaca), escludendo i partner registrati dello stesso sesso, in quanto configura una discriminazione basata sull’orientamento sessuale, poiché sembra indicare una idoneità a priori della coppia eterosessuale all’adozione, dandone invece per presupposta la mancanza per la coppia dello stesso sesso; il divieto assoluto precluderebbe, infatti, la possibilità stessa di valutazione del caso concreto da parte del giudice, mentre é invece difficile, se non impossibile sostenere che l’adozione congiunta corrisponda all’interesse del bambino solo se attuata da una coppia eterosessuale.

Corte costituzionale, sentenza del 19 dicembre 2013  FILIAZIONE – COPPIA DI DONNE UNITE IN PARTNERSHIP REGISTRATA – PROCREAZIONE ASSISTITA – DIVIETO – ILLEGITTIMITÀ
È illegittima la legge austriaca che vieta di accedere alle tecniche di procreazione assistita ad una coppia di donne unite in un partenariato di vita registrato in Germania (Lebenspartnerschaft – ove é consentito l’accesso a tali tecniche) atteso che la restrizione ai sensi della legge austriaca dell’utilizzo di metodi di fecondazione assistita soltanto alle coppie sposate o a coppie di sesso diverso conviventi configura una discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale ed un’inammissibile interferenza con la vita familiare protetta dall’art. 8 della Convenzione europea dei diritti umani ed una lesione del principio di uguaglianza ai sensi dell’art 7 della Costituzione austriaca.

(su eccezione di illegittimità costituzionale sollevata da Suprema Corte austriaca con decisione del 22 marzo 2011)

_____________________________________________________________________________

Francia

Corte di cassazione francese, sentenza del 7 giugno 2012 n. 755 FILIAZIONE – DIRITTO ALL’ADOZIONE CONGIUNTA DA PARTE DI COPPIA DELLO STESSO SESSO – INSUSSISTENZA

Corte di cassazione francese, sentenza del 7 giugno 2012 n. 756

Corte di cassazione francese, sentenza dell’8 luglio 2010, n. 791

Tribunale Amministrativo di Besancon, decisione del 10 novembre 2009  FILIAZIONE – ADOZIONE – RIFIUTO IN RAGIONE DELL’ORIENTAMENTO OMOSESSUALE DELL’ADOTTANTE – ILLEGITTIMITÀ (DECISIONE ADOTTATA IN SEGUITO A RINVIO DALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI UMANI, CASE OF E.B. V. FRANCE CHE AVEVA CONDANNATO LA FRANCIA PER VIOLAZIONE DELL’ ARTICOLO 14 CEDU, LETTO IN CONGIUNZIONE CON L’ARTICOLO 8)
________________________________________________________________________________________________________________________

Germania

Corte di cassazione tedesca (Bundesgerichtshof) sentenza del 10 dicembre 2014 TRADUZIONE ITALIANA (A CURA DI ROBERTO DE FELICE) CERTIFICATO DI NASCITA – INDICAZIONE DI DUE GENITORI DELLO STESSO SESSO – TRASCRIZIONE – LEGITTIMITÀ – RIFIUTO DA PARTE DELL’UFFICIO DELLO STATO CIVILE – ILLEGITTIMITÀ – GESTAZIONE PER ALTRI (MATERNITÀ SURROGATA) – DIVIETO NELL’ORDINAMENTO GIURIDICO TEDESCO – SUSSISTENZA – INTERESSE SUPERIORE DEL MINORE AL MANTENIMENTO DEL LEGAME FAMILIARE CON I DUE GENITORI – PREVALENZA – SUSSISTENZA
COMMENTI:
DE FELICE, Maternità surrogata e ordine pubblico internazionale: Germania e Italia a confronto
DI MASI, Coppie omosessuali e ricorso alla surrogacy in uno Stato estero: aperture dalla Germania

Corte costituzionale tedesca (BVG) decisione del 23 gennaio 2014 ADOZIONE – UNIONE CIVILE TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO (EINGETRAGENE PARTNERSCHAFT) – ADOZIONE CONGIUNTA – MANCATA INDICAZIONE DEI PRECEDENTI GIURISPRUDENZIALI E DOTTRINARI – INAMMISSIBILITÀ

È inammissibile, per incompletezza dei motivi, l’eccezione di incostituzionalità presentata dal giudice pretorile di Berlino (Amtsgericht Berlin-Schöneberg) contro il divieto di adozione congiunta per due uomini uniti civilmente, in quanto carente di specifici riferimenti tanto alla dottrina quanto alla pregressa giurisprudenza del Bundesverfassungsgericht in materia di adozione, in particolare alla sentenza del 19 febbraio 2013 con la quale è stata riconosciuta l’illegittimità del divieto di adozione del figlio adottivo del partner (Suzessivadoption), nonostante l’eccezione di illegittimità costituzionale sia stata proposta nel marzo 2013, quando la decisione del 19 febbraio era già nota e nonostante la stretta connessione tra le due fattispecie che ne avrebbe imposto una sua dettagliata analisi da parte del giudice remittente.

Corte costituzionale tedesca (BVG) sentenza del 19 febbraio 2013 ADOZIONE –  UNIONE CIVILE TRA PERSONE DELLO STESSO SESSO (EINGETRAGENE PARTNERSCHAFT) – ADOZIONE DEL FIGLIO ADOTTIVO DEL PARTNER (CD. ADOZIONE SUCCESSIVA – SUKZESSIVADOPTION) – MANCATA PREVISIONE – ILLEGITTIMITÀ

Tenuto conto che la Sukzessivadoption è consentita alle coppie sposate, la sua mancata previsione per il partner unito in una unione civile tra persone dello stesso sesso (Eingetragene Lebenspartnerschaft) è incostituzionale in quanto violail diritto all’eguaglianza del figlio adottivo del partner di vita rispetto al figlio adottivo d’una coppia sposata, particolarmente grave in una materia dominata dal suo diritto fondamentale ad un equilibrato sviluppo della personalità, protetto dalla Legge fondamentale; la coppia dello stesso sesso favorisce difatti la crescita del bambino tanto quanto la coppia sposata; difatti, “i dubbi per la crescita dei minori derivanti dal loro inserimento in una coppia genitoriale dello stesso sesso sono stati confutati dalla grande maggioranza dei pareri specialistici” e l’adozione garantisce una cornice di maggiori garanzie giuridiche per il minore, anche in caso di morte del genitore adottivo o di separazione; in ogni caso, qualsiasi pregiudizio per il minore deve escludersi in ragione del controllo giurisdizionale nel procedimento di adozione, che assicura che prevalga sempre il superiore interesse del bambino.

- traduzione italiana in La Nuova Giurisprudenza Civile Commentata 2013, I, 639

COMMENTI ALLA DECISIONE:

BRUNETTA D’USSEAUX Adozione del figlio adottivo: un nuovo tassello nell’equiparazione tra coppie etero e coppie dello stesso sesso in Germania in La Nuova Giurisprudenza Civile Commentata 2013, II, 369.

 

___________________________________________________________________________

Irlanda

Supreme Court of Ireland, McD. -v- L. & anor, decisione del 10 December 2009 FILIAZIONE – FECONDAZIONE ARTIFICIALE – AFFIDAMENTO DEL MINORE ALLA MADRE – RELAZIONE OMOSESSUALE DELLA MEDESIMA – FAMIGLIA DI FATTO – ESTENSIONE ALLA FAMIGLIA DI FATTO COMPOSTA DA PERSONE DELLO STESSO SESSO IN FORZA DELLA CONVENZIONE EUROPEA DEI DIRITTI FONDAMENTALI – INSUSSISTENZA

________________________________________________________________________________________________________________________

Regno Unito

England and Wales High Court pronuncia del 31 gennaio 2013, S. c. D. e E. e T. c. X. e Y

High Court of Justice, Administrative Court London, decisione del 28 Febbraio 2011 FILIAZIONE – ADOZIONE – COPPIA FORMATA DA PERSONE DI SESSO DIVERSO – RIFIUTO MOTIVATO IN RAGIONE DELLE OPINIONI DISCRIMINATORIE ESPRESSE NEI CONFRONTI DELLE PERSONE OMOSESSUALI – LEGITTIMITA’

 

Spagna

Tribunal Supremo de Madrid, sentenza del 6 febbraio 2014, n. 835/2013 FILIAZIONE - MATERNITÀ DI SOSTITUZIONE (GESTAZIONE PER ALTRI O SURROGAZIONE DI MATERNITÀ) – STATUS FILIATIONIS – TRASCRIZIONE DELL’ATTO DI NASCITA CALIFORNIANO – RIGETTO – LEGITTIMITÀ – ORDINE PUBBLICO INTERNAZIONALE – VIOLAZIONE – LESIONE DELL’INTERESSE SUPERIORE DEL FANCIULLO – INSUSSISTENZA – POSSIBILITÀ DI ASSICURARE LA BIGENITORIALITÀ MEDIANTE IL RICONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ BIOLOGICA E DELL’ADOZIONE DA PARTE DELL’ALTRO PADRE

Non può essere trascritto in Spagna l’atto di nascita di un bambino spagnolo concepito all’estero mediante maternità di sostituzione (o surrogazione di maternità o gestazione per altri) in quanto contrario all’ordine pubblico internazionale, atteso che la legge spagnola vieta tale procedura di procreazione assistita; non vi è, comunque, lesione dell’interesse superiore del fanciullo al riconoscimento dello status filiationis nella famiglia in cui è inserito, attesa la possibilità di assicurare la bigenitorialità mediante il riconoscimento della paternità biologica e mediante l’adozione da parte dell’altro padre

COMMENTI ALLA DECISIONE:
PALMERI Il Tribunal Supremo a proposito di status familiari e maternità di sostituzione

Tribunal Supremo de Madrid, sentenza del 15 gennaio 2014 FILIAZIONE – COMPAGNA NON SPOSATA CON LA MADRE BIOLOGICA – STRETTA RELAZIONE GENITORIALE FRA LA DONNA ED IL MINORE – POSSESSO DI STATO – RICONOSCIMENTO DELLO STATUS DI MADRE

Tribunal Supremo de Madrid, sentenza del 5 dicembre 2013 FILIAZIONE – MOGLIE DELLA MADRE BIOLOGICA – STRETTA RELAZIONE GENITORIALE FRA LA DONNA ED IL MINORE – POSSESSO DI STATO – RICONOSCIMENTO DELLO STATUS DI MADRE

 

______________________________________________________________

Stati Uniti d’America

Corte Suprema dello Iowa, Gartner e Gartner c. Iowa Department of Public Health,  decisione del 3 maggio 2013 n. 12-0243 FILIAZIONE – COPPIA DI GENITORI DELLO STESSO SESSO – CERTIFICATO DI NASCITA – DIRITTO ALL’INSERIMENTO DEL NOME DI ENTRAMBI I GENITORI – SUSSISTENZA

COMMENTI ALLA DECISIONE:
DANISI Iowa: è genitore anche la mamma non biologica

RIFORMA: Iowa District Court, Gartner e Gartner c. Iowa Department of Public Health, decisione del 4 aprile 2012

Corte Suprema dell’Arkansas, sentenza del 7 aprile 2011 FILIAZIONE – ADOZIONE O AFFIDAMENTO DI PERSONA DI ETÀ INFERIORE AI 18 ANNI – COPPIE CONVIVENTI, DI DIVERSO O DELLO STESSO SESSO, NON LEGATE DA VINCOLO MATRIMONIALE – CARENZA DI LEGITTIMAZIONE AD ADOTTARE – ILLEGITTIMITÀ

____________________________________________________