Il Comune di Roma trascrive certificato di nascita con due mamme

print

2012-10-09 00.24.25L’Ufficio di stato civile del Comune di Roma con provvedimento in data 4 febbraio 2015 ha provveduto alla trascrizione del certificato di nascita di un bambino di tre anni, nato a Buenos Aires, da una madre italiana e da una madre argentina, in seguito a procreazione medicalmente assistita. Il minore ha acquisito la cittadinanza italiana ed un cognome composto dal cognome di ciascuna madre.

Si tratta del secondo caso in Italia dopo il decreto della Corte d’appello di Torino del 29 ottobre 2014 di cui ha dato di recente notizia il nostro sito (1) ma, a quanto consta, si tratta del primo caso in cui ciò avviene per determinazione di una amministrazione comunale, senza la necessità di ricorrere ad un intervento dell’Autorità Giudiziaria.

Nel Comunicato stampa dell’avv. Alexander Schuster (membro della redazione di GenIUS) che ha assistito il bambino e le due donne,  si evidenzia come a fronte dell’iniziale diniego dell’Amministrazione si sia rilevato dirimente il rilievo che la mancata iscrizione delle due madri sul certificato di nascita non potesse trovare ostacolo nell’ordine pubblico.

Ill difensore sottolinea che «non si può che accogliere con favore il fatto che oramai anche le amministrazioni pubbliche, sovente fin troppo fedeli ai dettati letterali della legge, reinterpretino le disposizioni alla luce dei diritti fondamentali della persona, evitando così ai cittadini di fare ricorso al giudice per vedere tutelata la propria dignità».

(1) Vedi qui la massima, ed i commenti di Marco Gattuso Minore nato da due donne in Spagna: l’atto di nascita può essere trascritto in Italia per ARTICOLO29, Stefano Rossi Trascrivibile l’atto di nascita straniero del figlio di due donne, Stefano Celentano La trascrizione in Italia dell’atto di nascita del figlio di coppia omosessuale, Guido Noto La Diega La trascrizione del certificato di nascita del figlio di coniugi “same sex”