É definitiva la sentenza Oliari: si apre la via per nuovi ricorsi a valanga

print

FINALE’ appena divenuta definitiva (il 21 ottobre) la sentenza della Corte europea dei diritti umani che condanna l’Italia per violazione della vita familiare delle coppie gay e lesbiche.

Come si rammenterà, la Corte di Strasburgo con  decisione del 21 luglio 2015 sul caso Oliari e altri c. Italia, ha condannato l’Italia per la mancata previsione da parte del legislatore, nonostante i numerosi solleciti delle sue superiori Corti, di un istituto giuridico diverso dal matrimonio che riconosca una relazione tra persone dello stesso sesso, poiché la carenza di riconoscimento giuridico delle dette unioni determina una violazione del diritto al rispetto della vita privata e familiare come enunciato dall’articolo 8 della Convenzione.

L’Italia aveva tre mesi per la presentazione di un eventuale ricorso alla Grande Camera, ma il Governo, molto opportunamente, ha ritenuto del tutto insensato appellare la sentenza nel momento in cui il Parlamento procedeva ad incardinare il disegno di legge sulle Unioni civili volto proprio a dare una risposta in relazione alla affermata violazione dei diritti umani delle persone lgbti.

Com’è pure noto, tuttavia, la legge già incardinata non è stata discussa e non sappiamo quando lo sarà  (si ipotizza l’inizio della discussione soltanto nel gennaio del 2016).

Come si ricorderà, la Corte europea ha affermato la violazione dell’art. 8 della Convenzione europea dei diritti umani, condannando il nostro Paese a risarcire simbolicamente il danno patito con l’importo di € 5.000,00, oltre imposte, per ognuno dei ricorrenti, cui vanno aggiunte le spese di lite (liquidate in un caso congiuntamente in € 4.000,00 ed in un altro caso in € 10.000,00).

Il definitivo passaggio in giudicato della sentenza di condanna (e la perdurante inerzia del Parlamento) apre dunque adesso la porta a ricorsi a valanga da parte dei cittadini omosessuali italiani, i quali sono tutte e tutti verosimilmente legittimati ad adire la Corte di Strasburgo senza dovere prima esperire tutti i rimedi interni (senza, cioè, dover aprire preventivamente contenziosi davanti ai giudici italiani).

Il temporeggiamento della politica rischia dunque di portare a nuove condanne e persino di.. costare caro al nostro Paese.